Khadi: Acqua di Rose

3 Dicembre 2016 No Comments

Khadi: Acqua di Rose

3 Dicembre 2016 No Comments
Khadi Acqua di Rose review

Non vedevo l’ora di concedervi una bella lettura riguardante i prodotti che uso nell’ultimo periodo – e che di solito, uso con l’erogatore frontale quindi non lasciatevi ingannare dalla foto birichina. Parto col dire che in questo periodo dell’anno la mia pelle (ed i miei capelli) necessitano di moltissime cure. Madre Natura mi ha concesso una pelle “facile” da curare ma bisognosa di affetto, se così si può dire. Intorno a metà ottobre il mio viso ha preso una brutta piega: avevo numerose zone secche che si screpolavano ad oltranza e che per giunta si arrossavano, così ho deciso di fare un mega ordine su ECCO-Verde acquistando tra le altre cose, l’Acqua di Rose Khadi. Il mio rapporto con i tonici era pressoché nullo fino a qualche tempo fa, mi sembrava una spesa inutile e tale è rimasta la mia opinione sperimentando il mondo delle acque micellari e di alcuni tonici in commercio: tiravano e lucidavano la pelle, altri a contatto con la zona oculare bruciavano tantissimo, nonostante fossero prodotti espressamente “delicati”, come nel caso della So’ Bio étic Lozione Micellare Lenitiva alla calendula. La musica è cambiata proprio con questa acqua di rose – Khadi, è sempre una certezza.

La suddetta costa 9,99€ ca. e contiene 210 ml in un flacone di plastica trasparente con tappo intercambiabile. Il pack è estremamente semplice con etichetta gialla sul fronte, tutto qui. Ad essere sincera non mi va di criticarne la semplicità perché di questo si parla. Non di un prodotto complesso dai mille estratti naturali certificati ma di una semplicissima acqua di rose (sebbene anch’essa certificata). Abbiamo quindi, un packaging che tutto sommato non crea problemi, comodo nel suo utilizzo e senza tanti fronzoli. E mi sta benissimo così.
Da un tonico/acqua/idrolato mi aspetto un buon profumo perché vaporizzare quotidianamente qualcosa che potrebbe infastidirmi – specie sul viso, non mi invoglia all’utilizzo. Se avete già letto a proposito di quest’acqua, c’è chi ne ama il profumo e chi lo detesta. Vi dico fin da subito che io sto nel mezzo. Affinché riusciate a sopportare il profumo di quest’acqua c’è bisogno che voi apprezziate il profumo della rosa in tutte le sue sfumature, dalla più fresca a quella più cimiteriale – ebbene sì, l’ho detto. Vi supplico di passarmi il termine perché quest’acqua ha purtroppo una nota di fondo un po’ forte che potrebbe ricordare una rosa appassita – comunque poco duratura sulla pelle. 
La rosa damascena è estremamente versatile e per questo impiegata ad oltranza nel beauty, ovunque io guardi nel reparto igiene personale al supermercato, ci sono decine di prodotti formulati intorno ai suoi estratti. Nel caso di quest’acqua i petali vengono raccolti a mano e distillati attraverso un particolare processo affinché ne vengano preservate le proprietà. È adatta a tutti i tipi di pelle ed il suo potere idratante si presta particolarmente bene su pelle normale/secca come la mia. Tonificante, purificante e astringente è un toccasana per i pori dilatati. Mi piace tanto, la vaporizzo sul viso prima di applicare gli oli ed aiuta a mantenere la pelle fresca e pulita; migliora  e normalizza visibilmente la grana della pelle. Da che ritenevo che questo genere di prodotto fosse superfluo adesso rientra piacevolmente nel mio quotidiano.

INFO

Ingredients (INCI): Aqua (gereinigtes Wasser) • Rosa Damascena (Rosenblätter)

Voi che rapporto avete con tonici, idrolati ed acque micellari? Quale preferite e perché? Personalmente ho avuto un brutto riscontro con le acque micellari ma mi piacerebbe ricredermi!

No Comments

Leave a Reply

Make-Up Artist, Beauty Creator, Photographer & Copywriter More?

Cruelty-Free Make-Up & Photography

×