Qual è la differenza tra vegan e cruelty-free

28 Dicembre 2020 1 Comment

Qual è la differenza tra vegan e cruelty-free

28 Dicembre 2020 1 Comment

Sembrerà scontato per molti ma con l’approssimarsi di nuovi termini in ambito cosmetico, si è presto creata una grande, gigantesca confusione.
Sebbene la parola vegan sia già nota e molto comune nel mercato alimentare, nel make-up tende ancora ad essere confusa con qualcosa che non è.

Il vegan non è una moda

Non è una moda o una dieta come molti influencer tendono a mostrare. È un pensiero. Seguito da un comportamento ben circoscritto: rifiutarsi di vedere agli animali non umani come cibo, ingrediente, tessuto, fonte di reddito, ecc., comportandosi di conseguenza e cioè, evitando attivamente di acquistare e consumare prodotti di origine animale.

La parola vegan viene coniata per la prima volta nel 1944 dal signor Donald Watson, un attivista inglese del ventesimo secolo che prese le prime tre lettere ed ultime due della parola “vegetarian”, e fondò la Vegan Society, la prima e più importante società di vegani al mondo con la volontà di definire un concetto più raffinato del semplice vegetarianismo che si rifiutava di comprendere il concetto di sfruttamento dietro al consumo di latte, uova e miele e tessuti di origine animale. Uno dei primi se non proprio il primo a scrivere e diffondere esplicitamente riflessioni e pensieri di veganismo e antispecismo invece, fu Al-Ma’arri, celebre poeta, scrittore e filosofo arabo vissuto più di mille anni orsono. Vuoi saperne di più?

Innanzitutto: che cosa non vuol dire vegan?

Vegan non vuol dire organic (naturale), bio, eco-bio o clean.

Si tratta di nomenclature utilizzate per definire l’inclusione, l’esclusione o la lavorazione di altri ingredienti. In breve: organic vuol dire naturale e vuole l’esclusione di tutti i componenti chimici dal prodotto a prescindere che questo sia vegan oppure no (gli ingredienti animali come il miele, sono difatti naturali ma non vegan, poiché provengono da un animale); con i termini bio o eco-bio ci si riferisce alla formulazione del prodotto che deve presentare almeno il 95% di ingredienti da agricoltura biologica, mentre eco-bio (cioè ecosostenibile) si riferisce ad un prodotto non solo bio, ma anche sostenibile e non inquinante; perché un cosmetico sia clean, è necessario che non contenga alcun ingrediente sospettato di essere tossico e vuole la completa trasparenza della formulazione che dev’essere chiara e verificabile.

Vegan e cruelty-free sono la stessa cosa?

In ultimo, vegan non vuol dire cruelty-free perché anche qui, il termine si riferisce alla formulazione del cosmetico ma non al modo in cui è stato testato.
In poche parole: è possibile avere un prodotto completamente chimico che sia vegan*, un prodotto inquinante o al contrario eco-bio può essere vegan, un prodotto organic cioè naturale può essere vegan, un prodotto può essere vegan ma non cruelty-free. Un termine non esclude l’altro poiché non sono sinonimi.
*Le sostanze chimiche sono di fatto vegan

Un prodotto vegan di make-up dovrebbe rispondere all’esclusione totale di ingredienti di origine animale e del qualsiasi coinvolgimento di un animale; perché un prodotto sia cruelty-free è anche necessario che nessun ingrediente né prodotto finito sia stato testato su animali.

In conclusione, perché un prodotto sia adatto ad una persona che si definisce vegan, dovrebbe essere anche cruelty-free. 

Innanzitutto: che cosa non vuol dire vegan?
Vegan non vuol dire organic (naturale), bio, eco-bio o clean. Si tratta di nomenclature utilizzate per definire l’inclusione, l’esclusione o la lavorazione di altri ingredienti. In breve: organic vuol dire naturale e vuole l’esclusione di tutti i componenti chimici dal prodotto a prescindere che questo sia vegan oppure no (gli ingredienti animali come il miele, sono difatti naturali ma non vegan, poiché provengono da un animale); con i termini bio o eco-bio ci si riferisce alla formulazione del prodotto che deve presentare almeno il 95% di ingredienti da agricoltura biologica, mentre eco-bio (cioè ecosostenibile) si riferisce ad un prodotto non solo bio, ma anche sostenibile e non inquinante; perché un cosmetico sia clean, è necessario che non contenga alcun ingrediente sospettato di essere tossico e vuole la completa trasparenza della formulazione che dev’essere chiara e verificabile.

Vegan e cruelty-free sono la stessa cosa?

In ultimo, vegan non vuol dire cruelty-free perché anche qui, il termine si riferisce alla formulazione del cosmetico ma non al modo in cui è stato testato.
In poche parole: è possibile avere un prodotto completamente chimico che sia vegan*, un prodotto inquinante o al contrario eco-bio può essere vegan, un prodotto organic cioè naturale può essere vegan, un prodotto può essere vegan ma non cruelty-free. Un termine non esclude l’altro poiché non sono sinonimi.
*Le sostanze chimiche sono di fatto vegan

Un prodotto vegan di make-up dovrebbe rispondere all’esclusione totale di ingredienti di origine animale e del qualsiasi coinvolgimento di un animale; perché un prodotto sia cruelty-free è anche necessario che nessun ingrediente né prodotto finito sia stato testato su animali.

In conclusione, perché un prodotto sia adatto ad una persona che si definisce vegan, dovrebbe essere anche cruelty-free. 

Sì. Se un prodotto è vegan ma non cruelty-free vuol dire che questo non contiene ingredienti di origine animale. Tuttavia, in questo scenario l’azienda ha testato uno o più ingredienti o il prodotto finito su animali, perciò non può definirsi cruelty free.

Per esempio: un’azienda che testa su animali può lanciare una linea vegan.

Un prodotto può essere cruelty free ma non vegan?

Sì. In quanto il prodotto e i suoi ingredienti non sono stati testati sugli animali ma contengono ingredienti di origine animale.

Per esempio: un’azienda cruelty free può includere ingredienti di origine animale nei suoi prodotti. 

Un prodotto può essere sia cruelty free che vegan?

Sì. Scegliere un prodotto vegan di un brand cruelty free mostra il tuo interesse nei confronti degli standard applicati, incoraggiando il mercato in questa direzione. 

Distinguere makeup e skincare vegan e cruelty free

  1. Cerca una lista di brand cruelty free

    Chi è veramente cruelty free lo ha dimostrato fornendo informazioni chiare e dimostrabili. Non fermarti alle dichiarazioni delle aziende ma visita blog e siti di informazione cruelty free per accertarti che lo sia veramente.

  2. Cerca una lista di prodotti vegan di un brand cruelty free

    Puoi assicurarti che il brand dal quale acquisterai il prodotto vegan adotti un’etica cruelty free.

  3. Cerca brand di makeup e skincare 100% vegan e cruelty free

    Questo è il modo migliore per supportare quei brand che non solo hanno deciso di non testare, ma che escludono ingredienti di origine animale dalla totalità della propria linea.


Vuoi capire perché scegliere makeup cruelty-free e vegan nel 2021?
È dovere di ognuno di noi orientare il mercato verso un futuro cruelty free. Per gli animali, per noi e per il pianeta.

foto originale di Sieuwert Otterloo

1 Comment

  • Thomas 29 Dicembre 2020 at 13:44

    💚

  • Leave a Reply

    Make-Up Artist, Beauty Creator, Photographer & Copywriter More?

    Cruelty-Free Make-Up & Photography

    ×